Cnidari

Un case report descrive in dettaglio la progressione dermatologica e il trattamento efficace di una grave puntura di medusa

Un case report dettagliato e una sequenza completa di fotografie in Wilderness & Environmental Medicine, pubblicato da Elsevier, documentano la progressione dermatologica di una paziente colpita da una medusa al largo della costa della Cambogia. Lo scopo del rapporto è di guidare i medici e i pazienti a capire cosa aspettarsi dopo una tale puntura e i passaggi per aumentare la probabilità di un pieno recupero.

Punture di meduse sono una comune affezione, in tutto il mondo, per le persone a contatto con l’ambiente marino. Sebbene molte siano semplicemente un fastidio, alcune possono essere molto gravi o addirittura fatali. Le reazioni non anafilattiche più gravi sono causate da specie di meduse che popolano le acque indo-pacifiche. Esempi di specie note per essere clinicamente pericolose includono la cubo-medusa (Chironex fleckeri), l'ortica di mare (Chrysaora quinquecirrha) e Irukandji (Carukia barnesi).

Nel rapporto, i ricercatori forniscono dettagli scritti e visivi della naturale progressione di un probabile avvelenamento da cubo- medusa originato in acque al largo della Cambogia. Questo è quello che i pazienti e i medici dovrebbero aspettarsi dopo una grave puntura di cubomeduse o specie altrettanto dannose. 

La paziente (co-autrice di questo rapporto) fu ferita al petto mentre nuotava al largo di Koh Ta Kiev, in Cambogia, - in acque profonde. La puntura ha causato un dolore bruciante immediato e intenso alla gamba destra che si è placato gradualmente nelle successive 10 ore. Presenza di strisce rosso vivo e rigonfie, in cui tentacoli avevano toccato la pelle della coscia destra. Vertigini con una breve perdita di coscienza dopo aver lasciato l'acqua entro 20 minuti della puntura. Non è stata identificata con precisione la specie, ma è noto che più specie di cubomeduse vivono in queste acque.

 In seguito a peggioramento dei sintomi, la paziente si è recata a Siem Reap dove fu ricoverata al Royal Angkor International Hospital durante la notte. Ha quindi viaggiato fino a Bali. La dottoressa dell’ospedale ha telefonato alla paziente e le ha raccomandato di tornare prontamente in California per ricevere le cure mediche necessarie per tentare la guarigione senza complicazioni e le ha dato consigli dettagliati per la gestione della ferita durante il viaggio.

 Dopo essere arrivato negli Stati Uniti, la paziente è stata visitata da un medico specialista in medicina subacquea e da un chirurgo plastico. L'esame obiettivo era coerente con ustioni superficiali e di spessore parziale, probabilmente con lesioni quasi a tutto spessore in alcune aree. Le fu consigliato di continuare a lavare le ferite e di pulirle e fasciarle usando una crema ad uso topico all'argento-sulfadiazina nelle aree più profonde e il miele di Leptospermum (Medihoney) nelle aree meno profonde. Gli obiettivi immediati erano mantenere pulite le ferite, prevenire le infezioni, mantenere l'umidità per facilitare la guarigione e consentire esami seriali per determinare il metodo migliore per la chiusura della ferita.

 Dopo 60 giorni la ferita era completamente chiusa e guarita. Lozione idratante e misure di protezione solare sono state continuate per ottimizzare la maturazione della cicatrice. La paziente è stata informata che in futuro potrebbe essere candidata alla revisione elettiva della cicatrice, al trattamento con steroidi e / o alla terapia laser.

 "Gli autori hanno fornito una cronologia fotografica eccezionalmente dettagliata del caso", ha aggiunto Neal W. Pollock, PhD, Dipartimento di Kinesiologia, Laval University, Quebec, QC, Canada, e caporedattore di Wilderness & Environmental Medicine. "Essa fornisce un'eccellente documentazione dell'evoluzione che potremo rivedere di rado."

 

Materiali modificati da: https://www.elsevier.com/   

https://www.wemjournal.org/article/S1080-6032(19)30099-7/fulltext

0 Commenti

Guarire le ferite con le meduse

Una delle conseguenze più terribili del diabete è una maggiore suscettibilità alle ferite croniche. Mentre i tassi di questa malattia salgono alle stelle nel mondo occidentale, aumenta di conseguenza anche il problema delle ferite croniche. Si stima che solo negli Stati Uniti, il costo economico annuale di questo problema superi ora i 20 miliardi di dollari.

leggi di più 0 Commenti

Una misteriosa malattia dei coralli sta devastando le barriere coralline caraibiche

Al largo di St. Thomas, la malattia si sta muovendo più velocemente e uccide più coralli di qualsiasi altra malattia

leggi di più 0 Commenti

Scoperto un antidoto contro il mortale veleno delle cubomeduse

Un team di ricercatori, studiando il meccanismo del dolore, ha scoperto un antidoto alla puntura mortale della creatura più velenosa sulla Terra: la cubomedusa australiana. Una singola puntura per un essere umano causa necrosi della pelle, dolore lancinante e, se la dose di veleno è abbastanza grande, arresto cardiaco e morte in pochi minuti. Il nuovo antidoto, scoperto usando la tecnica di editing genetico Crispr, blocca i sintomi entro 15 minuti dal contatto.  

leggi di più 0 Commenti

La genomica rivela perché alcune creature diventano meduse mentre altre restano polipi

Meduse, coralli e anemoni di mare hanno corpi molto diversi ma tutti cadono sullo stesso grande ramo nell'albero genealogico animale. Le meduse in realtà iniziano ancorate al fondo del mare, proprio come coralli e anemoni. 

leggi di più 0 Commenti

Scoperto un parassita che infetta i coralli, con i geni della clorofilla, ma che non fotosintetizza

Per la prima volta gli scienziati hanno trovato un organismo in grado di produrre clorofilla ma che non esercita la fotosintesi. L'organismo è stato denominato "corallicolide" perché è presente nel 70% dei coralli in tutto il mondo e può fornire indizi su come proteggere le barriere coralline in futuro.

leggi di più 0 Commenti

Sono i predatori a modellare la relazione dei pesci pagliaccio con un improbabile ospite

Uno studio dell'Università del Queensland e Deakin University ha identificato nei predatori la forza che modella le relazioni reciprocamente vantaggiose tra specie come il pesce pagliaccio e gli anemoni. l biologi hanno dichiarato che la ricerca mirava a comprendere l'origine di tali rapporti, noti come mutualismi interspecifici, estremamente comuni in natura. 

leggi di più 0 Commenti

Una fluorescenza verde attrae le alghe simbiotiche verso i coralli

I coralli che costruiscono le barriere coralline non possono sopravvivere senza la simbiosi obbligatoria con i dinoflagellati fotosintetici del genere Symbiodinium, da cui dipendono per la maggior parte della loro energia. 

leggi di più 0 Commenti

Scambiare batteri può favorire la simbiosi anemoni-pesci pagliaccio

Avere batteri in comune con gli anemoni può aiutare il pesce pagliaccio a nidificare comodamente fra i tentacoli velenosi degli anemoni. Secondo un nuovo studio,pubblicato sulla rivista Coral Reefs, i pesci pagliaccio si strofinano su tutto l'anemone in cui vivono per non farsi pungere e mangiare, come capita alla maggior parte dei pesci. Questo sfregamento porta a cambiare la composizione dei microbi che rivestono il pesce pagliaccio.

leggi di più 0 Commenti

Dobbiamo cambiare il paradigma sull'importanza trofica delle meduse?

Le meduse sono onnipresenti in tutti gli oceani del mondo, possono presentarsi in densità molto elevate e in alcune aree stanno aumentando in abbondanza. Tuttavia, a causa del loro basso contenuto nutrizionale, sono state a lungo considerate dei vicoli ciechi trofici, ignorati dalla maggior parte dei predatori.

leggi di più 0 Commenti

L'anemone di mare, un animale che nasconde bene la sua complessità

Nonostante la sua apparente semplicità, un corpo a forma di tubo sormontato da tentacoli, l'anemone di mare è in realtà una creatura estremamente complessa. Scienziati dall'Istituto Pasteur, in collaborazione con il CNRS, hanno appena scoperto oltre un centinaio di tipi di cellule diverse in questo piccolo invertebrato marino e un'incredibile diversità neuronale. 

leggi di più 0 Commenti

Identificato il processo biologico di mineralizzazione che porta alla formazione dello scheletro in giovani coralli

Lo scheletro formato da un corallo svolge un ruolo chiave nello stoccaggio del biossido di carbonio atmosferico. Studi precedenti si sono concentrati sul processo mediante il quale i coralli adulti producono minerali che induriscono i tessuti esistenti per formare lo scheletro, ma lo stadio esatto in cui i coralli iniziano l'intero processo di mineralizzazione è rimasto un mistero - fino ad ora.

leggi di più 0 Commenti

Colonialità non clonale nell’idrozoo Ectopleura larinx

Noi umani sopportiamo molto dai nostri parenti. Ma la maggior parte di noi è meno caritatevole con persone al di fuori della cerchia familiare.

Non è così per una particolare creatura costiera di acqua bassa. Gli scienziati dell'Università del Kansas hanno scoperto che i polipi dell'idrozoo Ectopleura larinx non hanno remore nel trattare un individuo non correlato come parte della famiglia.

leggi di più 0 Commenti

Descritto un nuovo modo di catturare prede: la kleptopredazione

Il nudibranco Cratena peregrina ha un gusto per le creature marine microscopiche chiamate zooplancton e si nutre di esse rubando il pasto a un idroide predatore, inghiottendo predatore e preda insieme. Un tipo di predazione in precedenza sconosciuto, che i ricercatori hanno soprannominato "kleptopredazione". 

leggi di più 0 Commenti

Una nuova specie di granchio eremita usa come casa un corallo vivo

Una nuova specie di granchio eremita può vivere nella cavità di un corallo che “cammina”, in una relazione reciproca, sostituendo il consueto partner, un verme marino. Lo studio pubblicato nella rivista open-access PLOS ONE.

leggi di più 0 Commenti