Una misteriosa malattia dei coralli sta devastando le barriere coralline caraibiche

Al largo di St. Thomas, la malattia si sta muovendo più velocemente e uccide più coralli di qualsiasi altra malattia

 

I subacquei che monitoravano le barriere coralline al largo di St. Thomas, nelle Isole Vergini americane, lo scorso gennaio hanno notato qualcosa di allarmante: grandi lesioni bianche stavano mangiando i tessuti colorati di centinaia di coralli duri. Alcuni coralli erano morti il giorno dopo - solo i loro scheletri bianchi e rigidi erano rimasti. Altri hanno languito per un massimo di due settimane. Nel giro di quattro mesi, più della metà della barriera corallina era scomparsa.

 Ciò che sta uccidendo i coralli è tutt'altro che chiaro, ma il primo sospetto è la malattia della perdita dei tessuti corallini, a volte indicata dalle iniziali SCTLD o dal soprannome "skittle-D". Questa infezione, scoperta al largo della Florida nel 2014, è responsabile di ciò che alcuni scienziati considerano una delle più gravi malattie associate a mortalità dei coralli mai registrate.

 Secondo gli scienziati, nei Caraibi la malattia sta devastando circa un terzo delle 65 specie della barriera corallina della regione. Eppure i ricercatori non sono nemmeno sicuri se la malattia sia di origine virale, batterica o legata a qualche altro mix microbico.

 Recenti focolai di altre malattie dei coralli, vicino a St. Thomas, hanno ridotto la copertura di coralli fino al 50% in un anno. Ma questa nuova malattia ha fatto la stessa quantità di danni nella metà del tempo - diffondendosi più rapidamente e uccidendo più coralli di qualsiasi epidemia passata nella zona.

  

Materiali modificati da; https://www.sciencenews.org/article/mysterious-coral-disease-ravaging-caribbean-reefs?

Photo credit: CORAL KILLER  Lesions (white) eat into the tissue of maze corals on Flat Cay reef, near St. Thomas in the U.S. Virgin Islands. The lesions are caused by a new and deadly disease that’s spreading through the Caribbean. M. BRANDT

 

Scrivi commento

Commenti: 0