La bomba a orologeria del cambiamento climatico

Un nuovo corsivo del Marine Board Science, prendendo spunto da un importante articolo pubblicato su Nature Climate Change, mette in discussione l'eccessiva enfasi nel dibattito politico a livello globale, di restringere gli impatti del cambiamento climatico come fenomeno esclusivo al 21 ° secolo. 

Essi sostengono che ogni incremento dell’anidride carbonica (CO2) da attività umane rimarrà nell'atmosfera e continuerà ad influenzare il clima della Terra per decine e centinaia di migliaia di anni.

Essi sostengono che ogni incremento dell’anidride carbonica (CO2) da attività umane rimarrà nell'atmosfera e continuerà ad influenzare il clima della Terra per decine e centinaia di migliaia di anni.

 

Nel mese di dicembre 2015, i leader politici, provenienti da 195 paesi, che hanno partecipato alla United Nations Climate Change Conference (COP21) di Parigi, hanno accettato di prendere provvedimenti per affrontare le cause e le conseguenze del cambiamento climatico globale. In particolare, si sono impegnati a mantenere l’aumento della temperatura media globale dell'aria entro la fine di questo secolo "Ben al di sotto di 2 ° C rispetto ai livelli pre-industriali" (cioè prima del 1750 e dell'avvento della rivoluzione industriale).

 

La finestra di 350 anni tra il 1750 e il 2100 può sembrare un tempo lungo nel contesto della durata della vita umana. Tuttavia, in un importante articolo pubblicato su Nature Climate Change, Clark et al. (2016) hanno messo in dubbio l'eccessiva enfasi nella discussione sul cambiamento climatico globale come un fenomeno esclusivo del 21 ° secolo, e sugli impatti a breve termine fino al 2100. Essi sostengono che ogni incremento dell’anidride carbonica (CO2) da attività umane rimarrà nell'atmosfera e continuerà ad influenzare il clima della Terra per decine e centinaia di migliaia di anni.

 

Nonostante i cambiamenti nella temperatura dell'aria, c'è un intervallo tra l'aumento dei livelli di CO2 e le variazioni del livello del mare che inevitabilmente ne conseguono. Per capire questo, abbiamo bisogno di guardare indietro, non di 250 anni, ma almeno 20.000 anni. Per considerare adeguatamente le conseguenze, abbiamo bisogno di guardare avanti, non solo alla fine di questo secolo, ma agli impatti delle azioni di oggi, che si manifesteranno nel corso dei millenni.

 

Nel corso dei prossimi 10.000 anni, l’incremento medio globale del livello del mare che inevitabilmente risulterà anche da uno scenario modesto di emissioni raggiungerà i 25 m, causando inondazioni in molte delle città e regioni costiere più densamente popolate del mondo, con lo spostamento di 1,3 miliardi di persone, o il 19% della popolazione mondiale (in base alla popolazione del 2010). In uno scenario maggiore del solito si tradurrà in un aumento medio del livello del mare, a livello globale, di 52 metri, con effetti ancora più devastanti.

 

Con questo lasso di tempo molto più lungo in mente, lo studio di Clark et al. dichiara che le reali conseguenze di emissioni di CO2 incontrollate saranno "su larga scala e i cambiamenti climatici potenzialmente catastrofici." Gli autori evidenziano anche l'ampiezza e l'urgenza della risposta necessaria. Viene presentato uno stretto intervallo di opportunità per evitare il peggio di questi impatti per le generazioni future. L'unica risposta efficace è quella di muoversi il più rapidamente possibile verso la decarbonizzazione completa dei sistemi energetici del mondo avendo come target emissioni di carbonio nette pari a zero o negative.

 

Il documento può essere scaricato tramite il sito web: http://marineboard.eu/science-strategy-publications

Citation: European Marine Board. The ticking time bomb of climate change: why human actions in the next 10 years can profoundly influence the next 10,000. Science Commentary No. 2, February 2017. ISSN: 2565-6899

 

Photo credit: Shutterstock

Scrivi commento

Commenti: 0